Corso "La consulenza pedagogica"

Presentazione

La consulenza pedagogica è una delle forme d’aiuto alla persona nella relazione educativa, essa è una delle attività svolte dal pedagogista. Tuttavia è spesso praticata inconsapevolmente e in forma non organizzata o occasionale; può essere confusa col sostegno affettivo, il buon senso o l’empatia nei rapporti professionali e sociali; è frequente che la consulenza pedagogica sia trascurata, non esercitata dal pedagogista o che sia “delegata” a professionisti afferenti a altre discipline, dotati maggiore capacità corporativa o organizzati in ordini professionali.
La consulenza pedagogica è dunque un fondamentale strumento che il pedagogista deve possedere con sicurezza per affrontare la complessità del proprio lavoro.
Nel quotidiano lavoro pedagogico e educativo, sono frequenti le richieste d’aiuto, consapevoli e inconsapevoli di genitori, insegnanti, operatori sociali, sanitari e della giustizia, bambini, adolescenti, adulti, comunità, etc. con le quali il pedagogista o l’educatore sono sollecitati a fornire risposte o suggerimenti. Spesso si tratta di richieste di istruzioni per la soluzione di problemi complessi, senza che si dedichi il necessario spazio e tempo all’ascolto, al dialogo, alla condivisione, all’analisi e alla riflessione.
Nella professione del pedagogista saper gestire la relazione d’aiuto, e queste pressioni altamente richiestive, nella forma della consulenza pedagogica, è fondamentale per alcuni aspetti, tra i quali:

  1. fornire alla persona – cliente- una risposta qualificata-professionale adeguata alla richiesta e ai suoi bisogni;
  2. ascoltare e valutare su basi scientifiche e metodologiche la richiesta;
  3. definire-ridefinire, dare confini alle aspettative;
  4. avere il controllo e consapevolezza professionale della propria azione;
  5. definire le proprie responsabilità, autonomie, limiti e potenzialità professionali;
  6. definire la propria identità e lo spazio d’autonomia professionale;
  7. offrire servizi specialistici pedagogici e educativi qualificati, spesso forniti in forma surrogata da professionisti formati in altre aree disciplinari, etc.
  8. attivare analisi e riflessioni, scientifiche, epistemologiche, etiche e deontologiche sul proprio agire e sul cliente, i suoi sistemi esistenziali-relazionali-evolutivi.

Obiettivi

Il corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti una prospettiva professionale sulle concrete possibilità offerte dalla consulenza pedagogica, nei differenti contesti del lavoro del pedagogista, attraverso:

  • la conoscenza della consulenza in ambienti educativi;
  • la consapevolezza della potenzialità degli strumenti della consulenza;
  • la conoscenza delle proprie capacità personali-professionali e di gestione di sé in consulenza.

Contenuti

In relazione alle esperienze dei corsisti si affronteranno alcuni tra i seguenti argomenti:

  • Definizione e basi della consulenza pedagogica
  • Cenni storici della consulenza pedagogica, riferimenti scientifici, bibliografici, professionali.
  • La consulenza pedagogica, scopi e forme, consulenza e clinica pedagogica.
  • Luoghi e contesti della consulenza: la famiglia, la scuola, i servizi sociali, i servizi sanitari, la giustizia, la giustizia minorile, il privato, la persona e i gruppi.
  • La consulenza in ambito giudiziario: CTP e la CTU.
  • I setting, la relazione, la presentazione, i tempi, gli spazi, l’ascolto, la narrazione, il dialogo.
  • Strumenti della consulenza pedagogica.
  • Trauma in pedagogia.
  • L’invio ad altri consulti.
  • L’osservatore che osserva: la supervisione pedagogica, la formazione alla consulenza pedagogica.
  • L’etica nella consulenza pedagogica.
  • La comunicazione nella consulenza pedagogica, la scrittura delle relazioni professionali e linguaggi scientifici.
  • Possibilità e limiti professionali, la promozione della consulenza pedagogica.
  • Aspetti giuridici e riferimenti normativi nell’esercizio professionale.
  • Aspetti aziendali e lavorativi d’impresa, le forme contrattuali di lavoro subordinato, assimilato e nella libera professione.

Modalità

Lezioni d’aula, simulazioni, esercitazioni pratiche, presentazione di videoregistrazioni e diapositive.

Si farà riferimento ai modelli della consulenza pedagogica nelle relazioni d’aiuto alla persona, alla narrazione, all’ermeneutica e al costruttivismo, con approccio pragmatico – esperenziale, agli aspetti complessi, fenomenologici trattati.

Destinatari

Il corso accoglie al massimo 30 studenti, del corso di laurea magistrale in “Scienze pedagogiche e dei servizi educativi”

Sede

Facoltà di studi umanistici di Cagliari, esercitazioni presso NOA centro psicopedagogico di Cagliari.

Calendario

20 ore, febbraio 2016.
Venerdì 12 febbraio ore 9,00 – 13,00
Mercoledì 17 febbraio ore 9,00 – 13,00
Venerdì 19 febbraio ore 9,00 – 13,00
Martedì 23 febbraio ore 9,00 – 13,00
Venerdì 26 febbraio ore 9,00 – 13,00

Allegati:
Scarica questo file (Corso Consulenza pedagogica .pdf)La consulenza pedagogica130 Kb